Bonus cultura docenti: come andrebbe usato, come viene usato



Il bonus di cinquecento euro a favore dei docenti è stato ideato per valorizzare la cultura di chi opera nella scuolabonus cultura docenti

Il bonus cultura docenti da cinquecento euro, nella sua essenza, non sarebbe un’idea malvagia. Se consideriamo che tutto parte dalla scuola e dall’educazione che viene impartita, è importante che chi se ne occupa abbia le credenziali. Allo scopo di accrescere la cultura personale è stato ideato anche un bonus cultura per i diciottenni.

BUONA SCUOLA, FUTURI SCHIAVETTI CRESCONO   CLICK QUI

Il bonus si può spendere per corsi di aggiornamento o di lingue, libri, materiale informatico, accessi a cinema e teatri.
Il problema sorge quando si trovano insegnanti – e se ne trovano diversi – che girano per i vari negozi a chiedere se possono usare il bonus cultura docenti per acquisti personali, definendoli materiale didattico. Di fatto però il materiale di cancelleria che serve per scrivere gli appunti o la lista della spesa non è propriamente formativo, poiché non pare accresca di molto la cultura.

Per quel che riguarda libri e materiale informatico, ecco che con il bonus scatta la caccia ai regali, o l’acquisto di un bel pc nuovo senza spendere un centesimo. E sugli ingressi a cinema e teatri, quale occasione migliore per portarci i bimbi con gli amichetti e la famiglia?

Dovrebbe essere chiaro che il bonus cultura non è un premio, giusto perché a fare l’insegnante si è più fico, ma un incentivo ad accrescere le proprie competenze per poi svolgere meglio un mestiere che dovrebbe essere una missione. Oltre tutto, il fatto che alcuni vadano in giro nei negozi a domandare come possono spendere i soldi lascia perplessi: esiste un sito con l’elenco completo degli esercizi convenzionati, basta cliccarci sopra. Possibile che un insegnante, che dovrebbe fornire nozioni agli altri, non si sappia informare neppure per sé?

ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO   CLICK QUI

Da quel che si constata esiste il rischio concreto che il bonus cultura docenti da cinquecento euro non venga speso per la formazione personale, ma utilizzato per godere di un po’ di denaro regalato. A ciò si potrebbe ovviare esigendo una documentazione di come i soldi siano stati spesi e una relazione sull’utilità che se ne è ricavata e sul potenziale utilizzo didattico in aula. Certo che, anche in questo caso, fatta la legge trovato l’inganno, si possono immaginare le invenzioni fantasiose che salterebbero fuori. Però per lo meno sarebbe un limite.

Di fatto si tratta di soldi pubblici, e se vengono utilizzati per affari privati alcune categorie meno fortunate potrebbero infastidirsi.

Elisa Rolfo

SIGNIFICATO DI CULTURA

Summary
Bonus cultura docenti: come andrebbe usato, come viene usato
Article Name
Bonus cultura docenti: come andrebbe usato, come viene usato
Description
L'utilizzo dei cinquecento euro di bonus cultura da parte dei docenti
Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.