Ristorante cinese di qualità. Come riconoscerlo e apprezzarlo

ristorante cinese di qualitàRistorante cinese di qualità, come si può riconoscere? Se ne dicono tante sui ristoranti cinesi, incluse leggende metropolitane su carne di gatto o topo servita al posto del pollo o colonie di insetti nelle cucine. È chiaro che talvolta si riscontrano condizioni non proprio consone a un luogo di ristorazione, ma chissà come mai sono sempre i ristoranti cinesi a essere presi di mira, mentre esistono locali blasonati e con prezzi da vip che poi se si mettesse il naso in cucina… ristorante cinese di qualità

Certo è però che dagli anni Novanta in poi i ristoranti cinesi si sono moltiplicati, se ne trovano a ogni angolo, spesso anche a pochi metri di distanza. Molti orientali sono arrivati qui aprendo un’attività, senza avere granché idea di cosa sia l’arte culinaria, o comunque badando solo al profitto immediato, a discapito della qualità. ristorante cinese di qualità

Ma di buoni ne esistono, vediamo come riconoscerli. Un ristorante cinese di qualità è facile, ma non indispensabile, che sia ubicato nella zona centrale della città: soprattutto nei luoghi turistici, esiste un maggiore controllo e difficilmente un comune rischia di fare brutta figura collocando un locale di scarso valore nelle strade più eleganti e frequentate. Generalmente, un ristorante cinese che si trova in centro è un ristorante cinese di qualità. Non è questa però condizione assoluta e non è detto che non si possa trovare un ristorante cinese di qualità anche in periferia o in un paese.
Prendiamo come esempio tre piatti classici della cucina orientale e osserviamo come un ristorante cinese di qualità li presenta.

                                                       Ristorante cinese di qualità – Insalata cinese
ristorante cinese di qualità

L’insalata deve avere poca salsa e non troppo densa, giusto per insaporire e non per soffocare, il sapore e il croccante delle verdure fresche si deve sentire. Inoltre il colore della verdura deve essere vivace e non ingiallito o smorto.

                                  Ristorante cinese di qualità – Spaghetti di riso con frutti di mare
ristorante cinese di qualità

Lo spaghetto è molto fine e deve restare chiaro e morbido, il colore scuro denota infatti un eccessivo uso di dado e se la pasta si presenta secca e bruciata in parte o con troppo unta significa che non è stata cotta bene, o peggio, cotta più volte in olio già usato. Naturalmente il pesce se è fresco lo si sente e il mollusco tende a sciogliersi in bocca. Meglio se non c’è il quasi onnipresente uovo, che in un cinese scarso è in genere bruciacchiato e pieno di sale. Se è presente deve comunque essere cotto adeguatamente.

                                            Ristorante cinese di qualità – Gamberi in salsa limone
ristorante cinese di qualità

Un ristorante cinese di qualità presenta il gambero sodo, umido e scivoloso, di colore rosa chiaro, non rinsecchito e soprattutto pulito, ovvero senza il filetto intestinale, quella striscia nera fastidiosa che troviamo spesso e ci tocca levare con la forchetta. La salsa resta fluida e non tende a raggrumarsi quando il piatto inizia a raffreddare. Avete presente i grumi gelatinosi che si formano nella salsa della carne o del pesce non appena la temperatura del cibo scende sotto l’incandescenza? In un ristorante cinese di qualità non succede.

Indizio certamente importante che porta a riconoscere un ristorante cinese di qualità è l’assenza di odori stagnanti all’interno, in particolare quello del fritto, che rimane impregnato in abiti e capelli. Inoltre, non deve mai fuoruscire troppo olio, dalle fritture, ma anche dalla pasta e dal riso.

Elisa Rolfo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *