La grande ammucchiata. Cosa c’è dietro la casta

La grande ammucchiata che sostiene la tanto odiata casta

la grande ammucchiataMai generalizzare, per carità. Fare di tutta l’erba un fascio è sbagliato e si rischia di offendere. Quando si parla di una qualsiasi tendenza, si deve specificare che riguarda una buona fetta di mondo, ma onore alle eccezioni. Perché esistono gli illuminati, quelli che sono umili, intelligenti e colti, e per fortuna ce lo sottolineano su ogni social esistente, nonché dalla parrucchiera o al campo di calcetto. E naturalmente guardano la D’Urso e la Defilippi solo per interessi di analisi sociale. la grande ammucchiata

Fatta la doverosa precisazione, possiamo notare quanto e in quali diverse forme (libri, riviste, blog, talk show vari) si inveisca contro la cosiddetta casta, i privilegiati, politici ma anche no, i mafiosi e i succhiasangue. Eppure, sotto un vertice c’è sempre una base, e decisamente solida. Cosa sorregge la casta? Cosa permette che si crei? La grande ammucchiata sotto.

Quelli che sono perbene finché non li beccano. la grande ammucchiata
Quelli onesti, a meno che proprio non capiti l’occasione sotto il naso, perché buoni sì, ma fessi no. E poi lo fanno tutti.
Quelli che si lamentano al bar. la grande ammucchiata
Quelli che si lamentano di avere dei figli (?!).
Quelli che si mettono in coda anche quando non serve.
Quelli che pretendono tutto funzionante, purché farlo funzionare tocchi a qualcun altro.
Quelli che suonano il clacson.
Quelli che se frustano me, devono frustare anche te (basterebbe rivoltarsi entrambi contro la frusta).
Quelli che ignorano di ignorare. la grande ammucchiata

Quanti possiamo riconoscerci in almeno una categoria? la grande ammucchiata

Elisa Rolfo

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO IL VERTICE E LA BASE  click qui

COSE ASSURDE MA VERE

che riguarda la casta dei magistrati, ci troviamo la grande ammucchiata di fronte a un potere incontrollabile perché nascosto: quello che succede all’interno dei tribunali è inaccessibile e i maneggi segreti restano chiusi negli uffici. Occorre tenere presente un dato basilare: salvo pochissime persone dotate di moralità la grande ammucchiata fuori dal comune, chi si trova in una situazione di vantaggio ha tutto l’interesse ad attivarsi per conservarla. E i magistrati, di vantaggi, ne hanno tanti, che non basterebbe lo spazio a elencarli qui, basti pensare a ferie lunghissime, orari di lavoro ridotti e lauti stipendi. Indagini recenti mi hanno portato a conoscenza del caso della moglie di un giudice defunto che percepisce una pensione la grande ammucchiata di reversibilità netta di € 7000, senza aver mai lavorato. la grande ammucchiata Parlare del problema della magistratura in Italia non è certamente risolvibile con un post, forse neppure con un trattato. Per questo motivo, “Il pugno di Renzo” ospita unna sezione apposita, dove via via verranno analizzati diversi argomenti inerenti al tema, di modo da auspicare un quadro informativo completo e nello stesso tempo in continua evoluzione, a seconda degli episodi e quesiti che si presenteranno. Partiamo dall’abc, ovvero da alcune considerazioni basilari. la grande ammucchiata
Da dove nasce il problema? È sicuramente un errore pensare che giudici e pm siano un’accozzaglia di sadici, o peggio di malati mentali, un po’ come superficialmente è accaduto in passato con le SS hitleriane. Le persone la grande ammucchiata hanno peculiarità e caratteri differenti, la cui gran parte, con le dovute eccezioni, si inserisce in una gamma variabile di normalità. Presentano però tratti comuni a seconda del contesto sociale e della situazione in cui si trovano, che per quel che riguarda i magistrati, è senz’altro di forte privilegio, detto privilegio reso ancora più granitico dall’essere sconosciuto ai più. Tutti infatti abbiamo sotto gli occhi ogni giorno la condizione di grazia della classe politica, o dei fortunati che individuiamo come la grande ammucchiata personaggi pubblici, ma proprio la loro condizione di personaggi pubblici li rende controllabili. Invece, per quel

Qui di seguito i tre problemi principali che rendono la magistratura italiana un sistema dannoso.
1) CARRIERA
La carriera di un pm evolve in base alle azioni compiute, indipendentemente dal fatto che portino a una soluzione corretta del caso. Il magistrato verrà promosso e salirà di livello a seconda di quante azioni penali eserciterà, quindi richieste di custodia cautelare, indagini accusatorie, appelli contrari alle assoluzioni. Pur sapendo di essere in errore, non è conveniente fermare un procedimento, ma la grande ammucchiata

 

 

Summary
La grande ammucchiata. Cosa c'è dietro la casta
Article Name
La grande ammucchiata. Cosa c'è dietro la casta
Author

One Comment

  1. Pingback: Analfabeti funzionali: sono tra noi. E forse sono molti più di quel che pensiamo — Il pugno di Renzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.