Scegliere un editore. Come e quando conviene

Prima di scegliere un editore è bene prendere alcuni accorgimentiscegliere un editore

 

Quando si pensa a scegliere un editore, occorre prestare attenzione a un fenomeno in evoluzione: l’editoria a pagamento, stante il fatto che molti autori ormai hanno mangiato la foglia, si sta avviando al superamento, in favore di una nuova realtà: l’editore finto. Accade che al momento di scegliere un editore si valuti il contratto proposto, e se ne firmi uno che risulta buono. A questo punto, la casa editrice prende in carico editing, correzione di bozze e la stampa di qualche copia, che insisterà per farci vendere a parenti e amici. Ma sappiamo bene che gli amici non sono un pubblico reale, perché un libro funzioni bisogna arrivare al grande pubblico, gente che ci conosce attraverso i nostri scritti.
Il romanzo pubblicato viene inserito in un catalogo, generalmente online, e lasciato lì a prendere polvere. L’editore in questione non muove più un dito in promozione. Di conseguenza, l’autore, se non vuole vedere il proprio lavoro bruciato, è costretto a investire denaro di tasca propria per pubblicità, luoghi dove proporre presentazioni, stand alle fiere; oltre ad acquistare copie dall’editore per venderle da sé. Quindi, si lavora per il guadagno di qualcun altro, che non sta facendo, né investendo, nulla. Questo è da tenere ben presente al momento di scegliere un editore, anche se certamente non è paragonabile all’editoria a pagamento, poiché sul contratto nulla è scritto, né l’autore è obbligato a spendere alcunché, mentre la casa editrice si assume un minimo di rischio, per lo meno quello di non guadagnarci un fico. Resta però il fatto che l’editore sa perfettamente che nove autori su dieci agiranno come sopra, perché a tutti interessa la diffusione della propria opera, per cui guadagnerà sull’investimento e sul lavoro esclusivo di altri.

Quando si decide di pubblicare un libro, si pensa subito che la cosa più difficile sia scriverlo. Una volta terminato il lavoro, ci si rende conto che invece è ben peggio riuscire a scegliere un editore, posto che se ne trovi uno disposto a pubblicarlo. Ed ecco che, se ciò avviene, lo sventurato autore esulta, illudendosi che la sua vita stia per cambiare. Mai commettere questo errore: la cosa più difficile non è pubblicare un libro, il difficile viene dopo, il difficile è venderlo. È quindi fondamentale sapere come muoversi per scegliere un editore.

Riguardo a come scegliere un editore, deve essere chiaro che un’impresa che sia tale, non è sufficiente che metta un prodotto in vetrina, deve anche saperlo spingere sul mercato, proprio come fa la Fiat con le sue automobili, la cui propaganda non è certo finanziata dagli operai che le costruiscono.
Esiste poi una soluzione alternativa allo scegliere un editore, che richiede capitale da investire di tasca propria: l’auto pubblicazione. Non scegliere un editore ha il vantaggio di farvi risparmiare tempo (le casi editrici impiegano anche un anno a rispondere) ed evitare il rischio di cedere i vostri diritti alle persone sbagliate. Ci sono moltissime piattaforme online per l’auto pubblicazione. Dopo aver pubblicato, ci si può rivolgere a una buona agenzia di promozione, se ne trovano diverse online, che propongono servizi per qualsiasi necessità, a svariati prezzi. A questo punto, però sta a voi: se volete saltare il passaggio di scegliere un editore, accertatevi di avere tra le mani un prodotto di buona qualità, perché è vero che la buona pubblicità fa vendere qualsiasi cosa, ma se il pubblico si accorge di aver acquistato fumo, prima o poi vi si ritorcerà contro con gli interessi.

Elisa Rolfo

LEGGI ANCHE PUBBLICARE UN LIBRO   CLICK QUI

SIGNIFICATO DI CULTURA

 

Summary
Scegliere un editore. Come e quando conviene
Article Name
Scegliere un editore. Come e quando conviene
Author

3 Comments

  1. Pingback: Pubblicare un libro — Il pugno di Renzo

  2. Pingback: Scrittori esordienti, ho dedicato uno scaffale nella mia attività

  3. Pingback: Pubblicare a pagamento è una procedura da cui tenersi alla larga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.